Trascorse le feste, l'attenzione dei consumatori si concentra sul fitness e sulla stabilità finanziaria. I brand in grado di pubblicare contenuti utili e pertinenti, al posto giusto e al momento giusto, possono godere di notevoli vantaggi.

Una volta mangiata l'ultima fetta di panettone e messe via le decorazioni, tutti iniziano a rivolgere i propri pensieri al nuovo anno e agli obiettivi personali e professionali che intendono raggiungere.

Pensare di più alla salute e alla forma fisica è in cima alla lista dei buoni propositi per il nuovo anno, è l'obiettivo da raggiungere, almeno per il 37% degli intervistati di uno studio Nielsen. Anche il risparmio occupa un posto di rilievo nella lista: il 25% degli intervistati nell'ambito dello studio rivela infatti l'intenzione di migliorare le proprie finanze nel nuovo anno. Queste tendenze vengono confermate dalle ricerche di Google: quelle correlate al fitness su base annua sono aumentate del 7% nel 2015 e quelle relative ai conti di risparmio registrano un picco del 36% nel primo trimestre dell'anno.1

L'aumento esponenziale del numero di possessori di dispositivi mobili comporta un maggiore utilizzo dei dispositivi stessi nella ricerca di idee e informazioni correlate ai propositi personali. Due terzi degli abitanti del Regno Unito, al momento, possiedono uno smartphone e la maggior parte degli utenti Internet considera lo smartphone il dispositivo privilegiato per navigare online rispetto al laptop.2 Dal 1° gennaio, i consumatori cercano inevitabilmente idee, informazioni e suggerimenti motivazionali relativi ad argomenti che spaziano da dove acquistare le scarpe da corsa a come aprire un conto deposito.

I dispositivi mobili sono importanti

I dispositivi mobili consentono ai consumatori di agire in relazione ai propri propositi all'istante. Ad esempio, gli appassionati di fitness controllano le app contapassi per sapere quante calorie hanno bruciato camminando, mentre gli esperti o interessati di finanza elaborano e realizzano le proprie strategie di risparmio, dall'evitare l'alcol nel mese di gennaio all'aprire un conto di risparmio online, durante il tragitto giornaliero.

Il 45% delle ricerche relative al fitness su Google proviene attualmente da dispositivi mobili, dato in crescita su base annua del 30%. Per i brand si apre un mondo di opportunità: possono infatti sfruttare gli obiettivi per il nuovo anno al fine di pubblicare messaggi mirati e pertinenti per i consumatori. Chi esegue ricerche utilizzando le parole chiave "sano" o "dieta ed esercizio fisico" si mostra ricettivo nei confronti delle offerte per le scarpe da corsa di cui sopra o delle promozioni per le palestre.

Bisogna tenere presente che uomini e donne preferiscono tipologie diverse di esercizio fisico e, di conseguenza, è necessario personalizzare i contenuti in base al target: gli uomini prediligono le attività all'aria aperta o comunque fuori casa e, infatti, il 43% fa jogging3 e il 28% si dedica agli allenamenti cardio in palestra, mentre più di un terzo delle donne in giovane età preferisce allenarsi in casa con l'ausilio di video, a differenza delle donne in età adulta che amano invece dedicarsi a lezioni di gruppo con istruttori.4

Anche i consumatori in cerca di "consigli d'investimento" o "modi per risparmiare denaro" rappresentano una risorsa per i brand: con le loro ricerche offrono infatti ai brand la possibilità di fornire contenuti utili. Un'azienda di pubblica utilità o che offre servizi energetici potrebbe dare suggerimenti sul risparmio energetico, mentre un'agenzia viaggi potrebbe promuovere le sue offerte più allettanti per le vacanze. Nell'ambito dei conti di risparmio, i dispositivi mobili registrano quote maggiori di ricerche associate al brand (19%) rispetto ai computer o ai tablet. Alla luce di questo dato, i brand che offrono servizi finanziari sono decisamente incentivati a dotarsi di un sito ottimizzato per i dispositivi mobili.5

Suggerimenti per YouTube

Con la tendenza del consumo di video in costante crescita, non sorprende che sempre più spesso le ricerche prendano avvio su YouTube: attualmente, un quinto delle ricerche sulle modalità di gestione del denaro viene effettuato su questa piattaforma, valore in crescita del 130% solo nel 2015. I brand possono creare e divulgare contenuti accattivanti per soddisfare la domanda, sfruttare animazioni o avviare collaborazioni con vlogger per fornire consigli davvero utili. Tanto per fare un esempio, il video di suggerimenti di Grace Helbig dal titolo "How To Save Money" su My Damn Channel ha raggiunto le 400.000 visualizzazioni.

Le ricerche di suggerimenti per uno stile di vita sano su YouTube sono aumentate del 19% su base annua nel secondo trimestre del 2015. I moltissimi appassionati guardano su YouTube video con esercizi da svolgere in casa di yoga, pilates, aerobica e tanto altro ancora: il canale Six Pack Shortcuts, ad esempio, vanta 3,7 milioni di iscritti.

Sei pronto per la battaglia?

I brand in grado di fornire consigli e incoraggiamenti potranno rafforzare e approfondire la propria relazione con i consumatori. Tuttavia, per acquisire un ruolo di rilievo e riuscire a fornire soluzioni davvero utili, i brand non possono esimersi dallo stabilire i propri buoni propositi per il nuovo anno.

Per sfruttare al massimo le opportunità, i brand devono:

  • Cogliere al volo l'opportunità. Nell'ambito del fitness e delle finanze, il tempismo è imprescindibile: già a febbraio, infatti, le ricerche in materia registreranno un calo vertiginoso.
  • Accertarsi che i propri siti web siano ottimizzati per i dispositivi mobili, in modo da non infastidire i visitatori con un caricamento lento o una navigazione difficoltosa.
  • Creare elenchi di AdWords in base a parole chiave specifiche relative al fitness e al risparmio, accertandosi al tempo stesso di proporre offerte o promozioni personalizzate e pertinenti.

Per mettere in pratica questi suggerimenti sarà necessaria un'attenta pianificazione. Non c'è tempo da perdere: bisogna iniziare subito a esaminare le risorse ed elaborare una strategia. Con il giusto investimento e qualche buon consiglio, sia le aziende sia i clienti potranno essere in salute e finanziariamente solidi nel 2016.

Collaboratori:

  • Rodolfo Rinaldi Rincon - Industry Analyst, Google
  • Hannah Lamb - Industry Analyst, Google
  • Cecile Pruvost - Industry Manager, Google
  • Alison Lomax - Head of Brand Solutions, Google

Fonti:

  1. Google Consumer Surveys, 2015/Dati interni Google
  2. Consumer Barometer
  3. Google Consumer Surveys
  4. Google Consumer Surveys
  5. Dati interni di Google, 2015