I consumatori sono sempre più esigenti e i professionisti del marketing che sanno offrire esperienze veloci e fluide saranno avvantaggiati. Daniel An, Global Product Lead, si è proposto di aiutare i professionisti del marketing a scoprire come se la cavano i brand dei vari settori con la velocità delle pagine per dispositivi mobili.

Secondo un nuovo studio, il tempo necessario per caricare completamente una pagina di destinazione per dispositivi mobili è in media di 22 secondi.1 Eppure il 53% dei visitatori abbandona la pagina di un sito per dispositivi mobili se il suo caricamento richiede più di tre secondi.2 È un problema non da poco.

Si sa che chi fa acquisti con un dispositivo mobile vuole che l'esperienza sia rapida. Se incontra troppe difficoltà, abbandona il carrello e si rivolge altrove. Oggi, dunque, è fondamentale progettare esperienze veloci. I consumatori vogliono poter pagare le bollette rapidamente, ottenere subito le informazioni che cercano quando pianificano una vacanza, leggere un articolo non appena fanno clic sulla pagina.

Nonostante più della metà del traffico complessivo del web provenga da dispositivi mobili,3 i dati rivelano che i tassi di conversione restano superiori sui computer desktop.4 In breve, velocità significa entrate.

Il mese scorso, abbiamo analizzato 900.000 pagine di destinazione per dispositivi mobili in 126 paesi.5 Questo nuovo studio ha confermato la nostra tesi: la maggior parte dei siti per dispositivi mobili è lenta e sovraccarica di elementi.

Abbiamo esaminato in dettaglio diversi settori, da quello finanziario a quello dei viaggi. Le pagine il cui caricamento richiede più tempo sono, in media, quelle del settore auto e motori, della vendita al dettaglio e della tecnologia; a questi stessi settori appartengono anche le pagine più sovraccariche di tutto il Web.

La nostra ricerca è stata illuminante: nel 70% delle pagine analizzate, ci sono voluti quasi 7 secondi prima che il contenuto above the fold apparisse sullo schermo e più di 10 secondi prima che fossero caricati completamente tutti i contenuti grafici above e below the fold.

Di recente abbiamo progettato una rete neurale avanzata, introducendovi un ingente volume di dati su frequenze di rimbalzo e tassi di conversione. La rete, la cui capacità predittiva ha un'accuratezza del 90%, ha calcolato che le probabilità che il visitatore abbandoni una pagina aumentano del 113% se il tempo di caricamento passa da uno a sette secondi. Analogamente, se il numero di elementi di una pagina (testo, titoli, immagini) passa da 400 a 6000, le probabilità di conversione diminuiscono del 95%.6

Fonte: ricerca Google/SOASTA, 2017.

In ogni caso, velocità e semplicità sono imprescindibili.

Ma anche il peso è importante: abbiamo scoperto che il 70% delle pagine analizzate è più di 1 MB, il 36% più di 2 MB e il 12% più di 4 MB. Si tratta di cifre enormi per una sola pagina su un dispositivo mobile, considerato che occorrono sette secondi per caricare 1,49 MB con una connessione veloce 3G.7 Ci ha colpito in particolare un'immagine dallo sbalorditivo peso di 16 MB.

Nonostante gli aspetti negativi, ci sono anche buone notizie. La semplice compressione di immagini e testo può fare una grande differenza: il 30% delle pagine potrebbe risparmiare in questo modo più di 250 KB. La nostra analisi rivela che i maggiori margini di miglioramento si trovano nei settori auto e motori e tecnologia e nei mercati commerciali e industriali.

Nelle pagine per dispositivi mobili, velocità e volumi sono davvero importanti. I professionisti del marketing devono cercare di mantenere alto l'interesse dei consumatori che utilizzano dispositivi mobili e dunque concentrarsi sulla realizzazione di esperienze concepite appositamente per questi dispositivi. Puoi vedere se il tuo sito è ottimizzato per i dispositivi mobili e calcolare la velocità delle pagine con lo strumento Test My Site. Consulta poi i dati riportati in calce per una panoramica globale dei vari settori – sono incluse anche linee guida relative a velocità, dimensione e numero di elementi di contenuto per pagina.

Fonti
  • 1 Ricerca di Google e Webpagetest.org su scala globale, condotta su un campione di oltre 900.000 siti per dispositivi mobili di società Fortune 1000 e piccole e medie imprese. Il test è stato eseguito utilizzando Chrome ed emulando un dispositivo Nexus 5 su una connessione 3G mediamente rappresentativa. Velocità di download: 1,6 Mbps, RTT (Round-Trip Time): 300 ms. Test eseguito a gennaio 2017 su istanze m3.medium di EC2 con prestazioni simili a quelle degli smartphone di fascia alta.
  • 2 Dati di Google globali, n=3.700 dati aggregati e anonimi di Google Analytics ricavati da un campione di siti web per dispositivi mobili che hanno attivato la condivisione dei dati di benchmarking, marzo 2016.
  • 3 Dati di Google Analytics, Stati Uniti, primo trimestre 2016.
  • 4 Dati di Google Analytics aggregati e anonimi relativi a rivenditori al dettaglio degli Stati Uniti, aprile 2016.
  • 5 Ricerca di Google e Webpagetest.org su scala globale, condotta su un campione di oltre 900.000 siti per dispositivi mobili di società Fortune 1000 e piccole e medie imprese. Il test è stato eseguito utilizzando Chrome ed emulando un dispositivo Nexus 5 su una connessione 3G mediamente rappresentativa. Velocità di download: 1,6 Mbps, RTT (Round-Trip Time): 300 ms. Test eseguito a gennaio 2017 su istanze m3.medium di EC2 con prestazioni simili a quelle degli smartphone di fascia alta.
  • 6 Ricerca Google/SOASTA, 2017.
  • 7 DoubleClick by Google, "The Need for Speed: How Latency Impacts Publisher Revenue", settembre 2016.