Questo post fa parte di una serie che analizza le tendenze Programmatic Direct. Per ulteriori informazioni su queste tendenze e per creare grafici personalizzati in base a verticale e settore, visita la pagina di approfondimento interattiva The State of Programmatic Direct.

Più di un quarto di tutti gli scambi di impressioni Programmatic Direct acquistate e vendute globalmente su DoubleClick Ad Exchange nel corso di 15 mesi (fino a dicembre 2015) è avvenuto nell'area EMEA. Tali impressioni della pubblicità programmatica si sono rivelate notevolmente diverse per modalità di acquisto, vendita e utilizzo: una varietà che rispecchia il panorama culturale e tecnologico dell'area EMEA stessa. Di seguito riportiamo alcuni dei dati più interessanti tratti da DoubleClick;analizzeremo inoltre le implicazioni per publisher, inserzionisti e utenti.

Impressioni: al passo con la crescita globale

In un periodo di 15 mesi, le impressioni Programmatic Direct nell'area EMEA sono più che raddoppiate. Germania, Italia e Regno Unito hanno generato il maggior numero totale di impressioni, contribuendo per circa la metà di tutte le impressioni nell'area EMEA. Ucraina, Turchia e Spagna hanno registrato una crescita eccezionale delle impressioni Programmatic Direct, che sono più che raddoppiate in soli 12 mesi.

L'utilizzo di Programmatic Direct riflette i profili tecnologici generali dei paesi EMEA: Germania, Italia e Regno Unito hanno già un ruolo ben definito nel panorama delle tecnologie pubblicitarie, mentre i paesi del Sud e dell'Est Europa stanno iniziando a muovere i primi passi e potrebbero avere una crescita potenzialmente rapida.

Piattaforme: spazio al mobile

I computer desktop sono stati molto usati per effettuare acquisti, tuttavia nell'ambito della pubblicità programmatica hanno registrato un calo di oltre il 15% da dicembre 2014 a dicembre 2015 perché inserzionisti e publisher hanno seguito la stessa tendenza dei consumatori che li ha portati ha utilizzare maggiormente i dispositivi mobili.

Nel periodo di 15 mesi che abbiamo analizzato, la quota di impressioni relativa al Web mobile nell'area EMEA è più che raddoppiata. Quando abbiamo esaminato i dati relativi alle impressioni Web per tablet, quello che ci ha colpito maggiormente non è stata la crescita rapida ma il confronto con i dati del resto del mondo. Il Web per tablet ha rappresentato più del 10% di tutte le impressioni EMEA: circa il 45% in più rispetto alla media globale.

Categorie: contenuti chiave per la monetizzazione

Che cosa fanno tutti questi utenti con i loro smartphone e tablet? I verticali che hanno registrato la crescita più rapida sono Libri e letteratura, Bellezza e fitness e Hobby e tempo libero. Forse la crescita registrata in questi settori è legata alla tendenza dei consumatori a cercare consigli e suggerimenti immediati e online; ad esempio, l'uso delle recensioni online e dei video tutorial sui prodotti di bellezza, la popolarità di dispositivi indossabili nel settore del fitness e il successo di siti di streaming di giochi e di eSports nel settore Computer ed elettronica.

I dati relativi ai publisher dei settori Notizie e Arti e intrattenimento collegati agli acquirenti rappresentano il 30% delle impressioni Programmatic Direct su DoubleClick Ad Exchange (rispetto alle tendenze globali). Probabilmente, si tratta di inserzionisti alla ricerca di quei contenuti premium spesso offerti dai publisher dei settori Notizie e Arti e intrattenimento.

Di particolare interesse nella regione EMEA, il verticale Computer ed elettronica è cresciuto con una velocità superiore del 35% rispetto al resto del mondo. Come nel caso delle percentuali relative al Web per tablet, questa crescita potrebbe indicare una maggiore disponibilità da parte dei consumatori EMEA a spendere per l'elettronica di consumo rispetto al resto del mondo, oltre alla volontà degli inserzionisti di utilizzare Programmatic Direct per raggiungere questi consumatori.

Panorama tecnologico in rapido cambiamento

Quando si analizzano i dati Programmatic Direct relativi all'area EMEA, è affascinante osservare quanti cambiamenti ci siano stati negli ultimi due anni. Mentre alcuni paesi hanno assistito a una crescita significativa, in altri il mercato della pubblicità programmatica non è ancora maturo. Il mobile sta facendo registrare una crescita significativa perché sempre più utenti utilizzano i loro smartphone e tablet per ottenere informazioni di uso quotidiano e prendere decisioni ovunque si trovino. L'area destinata alla pubblicità programmatica è diventata molto più avanzata grazie a nuovi tipi di promozioni e a una gamma sempre più vasta di funzionalità. Programmatic Direct è diventato un componente imprescindibile nella strategia di un sempre maggior numero di brand advertiser e agenzie.

Continueremo a tenere d'occhio i dati e a condividere qui i fatti e le cifre più importanti. È inoltre possibile consultare il nostro nuovo rapporto interattivo, The State of Programmatic Direct, per una panoramica completa e globale e per informazioni su come creare grafici personalizzati in base all'area geografica, alle piattaforme in uso e ai verticali più pertinenti per l'attività. Per ulteriori informazioni sul modo in cui Programmatic Direct aiuta acquirenti e venditori della pubblicità digitale a entrare in contatto, è possibile consultare Programmatic Direct - Guida per gli acquirenti.

* Tutte le informazioni riportate in questo articolo sono estratte dai dati interni DoubleClick Ad Exchange per il periodo compreso tra ottobre 2014 e dicembre 2015