L'interesse per la settimana della moda di Londra cresce rapidamente e i dispositivi mobili sono in prima fila. L'evento non raggiunge solo gli utenti inglesi, ma è di interesse per un pubblico davvero globale e, rispetto ai contenuti correlati alla moda in generale, attira sempre di più un pubblico maschile e della fascia di età compresa tra i 18 e i 24 anni. Per massimizzare l'impatto durante la settimana della moda di Londra, i brand devono essere dove si trovano gli amanti della moda di tutto il mondo: online.

La settimana della moda di Londra è un evento particolarmente importante, poiché contribuisce all'economia inglese con 26 miliardi di sterline. Rappresenta anche un'enorme opportunità per i brand, con un volume di ordini di circa 100 milioni di sterline durante la settimana, una copertura mediatica del valore di circa 160 milioni di sterline e un esercito di appassionati di moda in tutto il mondo.1

Alla ricerca dello stile


Nel periodo che precede la settimana della moda di Londra P/E 2016 (dal 18 al 22 settembre 2015), gli inserzionisti devono sfuttare al massimo i trend di ricerca tanto quanto le tendenze della moda. Le ricerche relative alla settimana della moda di Londra aumentano molto rapidamente: da un anno all'altro è stato registrato un aumento del 25%, rispetto al 17% del 2014. Al centro di queste ricerche ci sono i dispositivi mobili, il cui utilizzo ha fatto registrare un incremento significativo di anno in anno del 65%.2

Come avviene per altri settori, i dispositivi mobili sono al centro della convergenza tra mondo fisico e digitale. Nel Regno Unito, un appassionato di moda su cinque sotto i 35 anni ha utilizzato il proprio smartphone per visualizzare le offerte e le recensioni durante la visita in un negozio3, mentre il 16% dei consumatori che hanno effettuato ricerche online ha poi acquistato il prodotto offline in un secondo momento.4

Gli appassionati di moda scelgono il digitale


La moda, a tutti i livelli, continua a entusiasmare le persone. I consumatori nel Regno Unito spendono circa 10,7 miliardi di sterline per la moda su Internet, ma si prevede che questa cifra arrivi ai 19 miliardi di sterline entro il 2019.2

Per gli appassionati di moda, oggi il digitale è fondamentale come un paio di jeans nel proprio guardaroba: il 70% degli utenti su Internet acquista abbigliamento e calzature online3 , mentre un utente su cinque utilizza uno smartphone per effettuare ricerche per l'acquisto successivo.4

Chi effettua ricerche relative alla settimana della moda di Londra desidera fare acquisti, trovare ispirazione e vivere l'evento. In questi momenti in cui gli utenti desiderano scoprire e guardare, le query principalmente usate sono "vestito", "stilista" e "moda", seguite da trucco, calzature e borse. I brand più dinamici sfrutteranno appieno anche il rapido aumento di ricerche relative a "moda di strada" (fino al 180%) e "settimana della moda uomo" (fino al 90%).5

YouTube crea la tendenza


Le persone appagano i loro desideri relativi alla moda su YouTube: è stato infatti registrato un aumento notevole della visualizzazione dei contenuti legati alla settimana della moda rispetto a due anni fa (400%). 6

L'interesse è veramente globale. Nel Regno Unito sono stati visualizzati contenuti relativi alla settimana della moda di Londra per un totale di circa 32.000 ore, mentre negli Stati Uniti sono stati guardati contenuti per un totale di 28.000 ore, un valore simile alle cifre registrate per la settimana della moda di New York.7 L'anno scorso, circa 196 paesi hanno guardato la settimana della moda di Londra in live streaming.1

Inoltre, questo grande interesse non riguarda solo più aree geografiche, ma interessa fasce demografiche diverse. I brand dovrebbero tenere a mente che la settimana della moda di Londra interessa tanto al pubblico maschile quanto a quello femminile e che i suoi contenuti attirano una più alta percentuale di uomini rispetto alla moda in generale, oltre ad attirare utenti tra i 18 e i 34 anni.8

Come stare al centro dell'attenzione


I brand che desiderano attirare l'attenzione durante la settimana della moda di Londra devono mettere a punto una strategia digitale. Ad esempio, possono creare campagne nella rete di ricerca specifiche per la settimana della moda di Londra, in modo da allinearle ad altre attività pubblicitarie e mostrarle a seguito di ricerche relative ad argomenti popolari, quali nomi di stilisti e tendenze. Possono personalizzare le proprie campagne per gli utenti mobile e utilizzare formati di annunci per dispositivi mobili in modo da mostrare le proprie campagne a seguito di ricerche effettuate tramite questi dispositivi.

Possono anche aggiungere a tutto questo dei contenuti su YouTube, piattaforma utilizzata dai consumatori per alimentare la propria passione per la moda: su YouTube, i contenuti relativi alla moda hanno fatto registrare un totale di oltre 15 miliardi di visualizzazioni.9 Per essere sotto i riflettori su YouTube, un brand deve definire una strategia forte e chiara per essere identificabile, per le ricerche a pagamento, per l'acquisizione di iscrizioni e per aumentare il tasso di conversione attraverso l'aggiunta di annunci e link.

Il mobile e YouTube saranno fondamentali per i professionisti del marketing che lavorano alle collezioni P/E 2016. Se usati correttamente, daranno il loro contributo a una strategia di marketing di successo.



Fonti:
1. LondonFashionWeek.com
2. Dati interni di Google, 2015
3. Rapporto Mintel, settembre 2014
4. Google Consumer Barometer, 2015
5. Google Trend, Ricerca web, Regno Unito; Query: settimana della moda di Londra, London Fashion Week
6. Dati interni di Google, contenuti correlati alla settimana della moda, 2012-2014
7. Dati interni di Google, 2014
8. Fonte: Dati interni di Google, Regno Unito, 2014, contenuti relativi a "moda" e "settimana della moda"
9. Pixability/L2 "Insight Report: Fashion and YouTube"