La storia

A pochi mesi dall'edizione 2014 del Salone dell'auto di Los Angeles, il team Volvo doveva trovare un modo per suscitare interesse per la sua XC90 non ancora lanciata sul mercato. Anche se l'auto non sarebbe stata disponibile fino alla primavera successiva, Volvo voleva fornire una dimostrazione del suo design e delle sue caratteristiche. L'azienda ha collaborato con R/GA e FrameStore per ideare un'esperienza interattiva utilizzando Google Cardboard, una nuova piattaforma per la realtà virtuale a basso costo. Una volta scaricata l'app Volvo Reality, gli utenti potevano inserire lo smartphone nell'apposito supporto di Google Cardboard per esplorare l'interno dell'auto ed eseguire una prova su strada virtuale.

Il team ha utilizzato otto videocamere per raccogliere i dati ambientali durante la guida su un tratto di strada di circa 100 km. Successivamente, ha unito tali dati a una rappresentazione dell'abitacolo generata dal computer. La combinazione tra il fotorealismo della CGI e una tecnica di riduzione delle vibrazioni a 360 gradi applicata alle videocamere ha reso possibile questa esperienza. Gli utenti avevano bisogno solo di Google Cardboard e di uno smartphone iOS o Android per provare la sensazione di stare seduti al posto di guida.

I risultati

Volvo ha creato un modo per far provare ai consumatori il suo veicolo più nuovo, senza salire sull'auto reale, rivoluzionando il concetto di realtà virtuale nel mondo automobilistico.