Ecco come Imperial Fashion ha trovato rapidamente nuovi clienti in tutto il mondo

Applicando tecniche automatizzate a tutta la canalizzazione, il colosso della moda raddoppia il ritorno sulla spesa pubblicitaria

Imperial Fashion è stata creata nel 1978 a Bologna e attualmente produce otto milioni di capi prêt-à-porter su base annua. Per raggiungere il suo principale obiettivo di espandersi in nuovi mercati strategici e favorire la crescita internazionale in 16 Paesi, ha deciso di adottare tecniche automatizzate. L'azienda puntava ad aumentare la considerazione del brand e a massimizzare le vendite dei prodotti raggiungendo i segmenti di pubblico giusti su tutte le properties di Google.

L'azienda è riuscita a trovare nuovi clienti combinando in tempo reale dimensioni diverse - come query, dispositivo e posizione - su tutto il funnel e attraverso strumenti automatici.

Smart Bidding

Imperial Fashion ha utilizzato strategie di offerte automatiche basate sul machine learning per ottimizzare le conversioni in ogni singola asta. L'obiettivo era ridurre il costo per acquisizione (CPA) e aumentare il ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS), così ha scelto le strategie CPA target, ROAS target e Massimizza le conversioni.

Campagne Shopping intelligenti

Combinando le campagne Shopping standard con quelle di remarketing sulla Rete Display, queste campagne automatizzavano le offerte e il posizionamento degli annunci per promuovere i prodotti sulle reti Google.

Campagne display intelligenti

Queste campagne combinavano le offerte automatiche, il targeting automatico e la creazione automatica degli annunci per mostrare gli annunci di Imperial Fashion in quasi tutti i formati sulla Rete Display di Google.

Annunci dinamici della rete di ricerca

Questo strumento utilizzava i contenuti presenti sul sito web di Imperial Fashion per pubblicare gli annunci in funzione delle ricerche degli utenti. Ogni settimana, il team aggiornava il catalogo e rinnovava i prodotti sul sito web del brand, così quando i consumatori usavano termini di ricerca strettamente correlati ai titoli e a frasi utilizzate con maggiore frequenza sul sito, Google Ads si basava su quei titoli e frasi per selezionare una pagina di destinazione e generare titoli pertinenti per gli annunci di Imperial Fashion. 

Grazie alla sua strategia ROAS target, l'azienda ha raddoppiato il ritorno complessivo sulla spesa pubblicitaria target. Con le campagne Shopping intelligenti, ha raggiunto un ROAS del 285%, ovvero un risultato 3,5 volte migliore rispetto a quello generato dalle campagne Shopping standard.

In base ai risultati, l'azienda ha deciso di estendere la strategia, in particolare le campagne Shopping intelligenti, ad altri brand e mercati di esportazione. Oltre all'automazione, prevede anche di continuare ad adottare un approccio più orientato all'intera canalizzazione, lanciando campagne display e video in mercati nuovi o non ancora serviti.

Tendenze nella moda 2016: i dati Google rivelano che cosa vogliono gli acquirenti