Le vendite di CarPrice aumentano grazie a YouTube e al remarketing sulla Rete Display di Google

CarPrice.ru è il più grande sito di aste di auto usate in Russia. Il suo obiettivo è offrire una valutazione online delle auto che i proprietari vogliono vendere. Se il prezzo è interessante, il proprietario può prenotare una valutazione tecnica presso un centro di controllo di CarPrice. Al termine del controllo e dopo aver pubblicato la foto, più di 20.000 concessionari russi potranno fare offerte per l'auto online. Per consentire all'attività di durare nel tempo e di crescere, è essenziale attirare nuovi venditori verso la piattaforma.

Informazioni su CarPrice
Anno di inizio dell'attività: 2014
Sede centrale a Mosca
www.CarPrice.ru
Obiettivi
Creare notorietà del brand tra i potenziali clienti di CarPrice
Incrementare il volume delle vendite di auto usate all'asta online di CarPrice
Approccio
Lancio di una campagna TrueView di YouTube
Lancio di una campagna display sulla Rete Display di Google
Targeting dei segmenti di pubblico in-market che acquistano auto nuove
Targeting di segmenti di pubblico simili per raggiungere le persone propense a vendere un'auto
Utilizzo del remarketing sulla Rete Display per estendere le offerte agli utenti interessati
I risultati
Il numero di registrazioni per la vendita di auto generate dagli annunci Google è aumentato del 56%

In qualità di azienda innovatrice del settore, CarPrice ha collaborato con Google per pubblicare una campagna digitale incentrata su due obiettivi: creare notorietà del brand tra i potenziali clienti di CarPrice su YouTube e generare lead redditizi sulla Rete Display di Google mediante un targeting intelligente. 

Il team ha lanciato una campagna video su YouTube per presentare i vantaggi competitivi di CarPrice, incentivare le visite al sito web dell'azienda e raggiungere i proprietari di auto interessati a vendere la loro macchina. La campagna combinava strategie di targeting per i segmenti di pubblico della canalizzazione finale (simile a una campagna display), nonché per quelli della canalizzazione iniziale (persone che guardano contenuti correlati ad auto e motori su YouTube e il segmento degli appassionati d'auto costituito da coloro che mostrano regolarmente interesse nei confronti delle auto).

CarPrice ha anche avviato una campagna sulla Rete Display di Google volta a incrementare il numero di nuove registrazioni per la vendita di macchine tra i proprietari di auto usate interessati a vendere la propria. Per identificare i potenziali clienti di CarPrice, quest'ultima ha scelto come target il pubblico della canalizzazione finale, tra cui i segmenti in-market per le auto nuove, supponendo che questi utenti potessero voler vendere la loro vecchia macchina prima di comprarne una nuova. CarPrice ha anche eseguito il targeting di segmenti di pubblico simili composti da utenti che avevano mostrato un comportamento simile a quelli già registrati per vendere un'auto tramite CarPrice.

Mediante la misurazione delle conversioni di AdWords, CarPrice ha monitorato le visite dirette al sito web, le registrazioni per le visite offline, nonché le visite al sito e le registrazioni in ritardo eseguite entro 30 giorni dal momento in cui gli utenti avevano guardato un annuncio video di CarPrice. Questo ha consentito al team di avere un quadro più ampio e di ottimizzare la propria campagna AdWords non solo per le risposte dirette, ma anche per le azioni posticipate.

Per incrementare ulteriormente le visite al sito e le registrazioni per le vendite, ha anche lanciato una campagna di remarketing sulla Rete Display: prima identificando il pubblico che ha guardato l'annuncio video fino alla fine senza ignorarlo e poi mostrando a questi utenti gli annunci con un'offerta speciale.

Grazie a questi metodi, il numero di registrazioni per la vendita di auto generate dagli annunci Google è aumentato del 56%. Dopo aver accertato l'efficacia delle soluzioni Google, CarPrice pubblica attualmente le sue campagne di YouTube e sulla Rete Display di Google in modalità continua.

Gearshift 2016: gli italiani che acquistano auto sono sempre più connessi