Bada a come parli: la scelta della lingua per far decollare la tua attività all'estero

Aprile 2019 Pubblicità

Se hai intenzione di commercializzare i tuoi servizi o prodotti a potenziali clienti in aree geografiche o paesi in cui si parla un'altra lingua, scopri alcuni consigli da seguire per rendere la tua comunicazione più efficace.

Dato che il 72% dei consumatori trascorre la maggior parte del tempo su siti web nella propria lingua,1 adattare le tue offerte alla loro madrelingua è un fattore di fondamentale importanza.

Inoltre, questa strategia si traduce (perdona il gioco di parole) direttamente in conversioni da parte dei clienti, con l'82% degli acquirenti più propenso ad acquistare se il materiale promozionale è nella propria lingua.2

Sebbene localizzare prodotti o servizi sia veramente importante, gli inserzionisti sostengono che si tratti dell'ostacolo operativo principale al percorso di esportazione.3

Ma questa constatazione non appare poi così sorprendente se prendiamo in considerazione tutte le variabili in gioco.

Ad esempio, in paesi come Canada, Sudafrica e Svizzera si parlano più lingue. Inoltre, lingue come cinese, arabo e spagnolo sono caratterizzate da diverse varianti linguistiche e dialetti che non possono essere ignorati.

Complicato, vero?

localisation strategy-IL-IT

Per riuscire veramente ad attirare e convertire gli acquirenti, i siti devono riflettere cultura e modi di parlare dei clienti. Per giungere a questo risultato, tradurre il sito web non basta: è necessario localizzarlo. 

Tradurre e localizzare: quelle est la différence?

Tradurre significa volgere dei contenuti da una lingua a un'altra.

Anche se la traduzione rappresenta la soluzione più veloce ed economica nel breve periodo, le parole tradotte potrebbero sembrare poco sensate ai parlanti nativi.

Ad esempio, molti termini o espressioni che sembrano naturali nella propria lingua, potrebbero addirittura non esistere in lingue diverse dalla nostra. Quindi, tradurre letteralmente parola per parola non cade sempre a fagiolo: capito cosa intendo dire?

La localizzazione, invece, trascende il processo di traduzione letterale rendendo fruibile un testo ai parlanti nativi come se fosse stato scritto di prima stesura nella loro lingua.

Occhio a come parli

A seconda della fase di espansione globale raggiunta, ti proponiamo una serie di verifiche da effettuare per assicurarti che le tue parole arrivino dritto al segno.

  • La pagina di destinazione è scritta nella lingua locale? Le prime impressioni contano: è importante dare il benvenuto ai visitatori in maniera appropriata.
  • I tuoi contenuti sono privi di errori grammaticali/linguistici? Se non conosci bene la lingua di arrivo, rivolgiti a una fonte attendibile per avere una consulenza. Gli errori di ortografia, seppure non gravissimi, intaccano la fiducia dei consumatori.
  • La tua proposta di valore è ben formulata e tiene conto delle diverse connotazioni culturali? Non sottovalutare le differenze culturali: dovrai tenerne conto se non vuoi che i potenziali clienti si rivolgano altrove.
  • Le parole del testo sono naturali e riflettono la lingua nativa? Non appoggiarti esclusivamente a uno strumento di traduzione online. Prova a rivolgerti a dei focus group con persone locali per vedere cosa ne pensano. Altrimenti, chiedi a un parlante nativo di rivedere il testo.

Esistono diverse soluzioni di traduzione in grado di offrirti tutta l'assistenza di cui hai bisogno per individuare le preferenze locali e gestire il marketing multilingue a seconda del contenuto da localizzare.

Market Finder offre delle guide sulla localizzazione specifiche per paese che aiutano a spiegare come adattare i contenuti di un testo quando la propria attività approda nei mercati esteri. Potrai anche rispondere alle domande di un quiz per scoprire se tutto è pronto per la localizzazione e, in base ai risultati ottenuti, ricevere utili risorse al riguardo.

Ecco perché i professionisti del marketing per i motori di ricerca devono trasformarsi in professionisti del marketing per video