3 motivi per cui i baby boomer scelgono YouTube

Brittney Ackerman Marzo 2019 Video, Insight sul Consumatore

I baby boomer, la generazione nata tra gli inizi e la metà degli anni 40 e la metà degli anni 60, sono diventati maggiorenni in un'epoca in cui i media on demand non esistevano ancora. A quei tempi, se volevi guardare uno spettacolo o un film, potevi solo accendere la TV e sperare che uno dei pochi canali esistenti stesse trasmettendo qualcosa di tuo gusto. Se ti perdevi un episodio del tuo telefilm preferito, al massimo potevi chiedere a qualcuno di raccontartelo.

Tre motivi sorprendenti per cui i baby boomer cominciano a scegliere YouTube

I tempi sono cambiati

Grazie alle piattaforme come YouTube, guardare i clip di Ed Sullivan è più facile oggi che settanta anni fa, quando vennero trasmessi per la prima volta. Pertanto non c'è da stupirsi se, contrariamente a quanto pensano molte persone, i baby boomer abbiano cominciato a dire addio alla televisione a pagamento e a utilizzare sempre di più queste piattaforme.

Per capire meglio come e perché questa generazione ha iniziato a preferire YouTube, abbiamo condotto un sondaggio tra i baby boomer negli Stati Uniti. 

Il tempo libero non è mai abbastanza

Secondo il Washington Post, ogni giorno negli Stati Uniti circa 10.000 baby boomer vanno in pensione. Tuttavia, per molti di loro smettere di lavorare non significa necessariamente avere più tempo libero. Infatti, per i baby boomer con cui abbiamo parlato, la possibilità di risparmiare tempo è uno dei motivi principali per cui utilizzano YouTube. "Con YouTube, al contrario del tipico palinsesto commerciale, non sono obbligata a seguire programmi di un'ora. Se ho solo dieci minuti di tempo, trovo comunque qualcosa da guardare", ci spiega Vera, una spettatrice di 63 anni.

Può darsi che questa voglia di risparmiare tempo sia anche il motivo per cui i baby boomer sono 1,3 volte più propensi a guardare un tutorial video su YouTube piuttosto che leggere delle istruzioni.1

Tre motivi sorprendenti per cui i baby boomer cominciano a scegliere YouTube

La voglia di imparare non passa 

Avere tutto il mondo a portata di clic (o di un tocco) offre infinite possibilità e i baby boomer che abbiamo intervistato lo sanno e ne approfittano. Ad esempio, come ci ha fatto notare Barbara, una baby boomer di 58 anni, le persone appartenenti alle generazioni precedenti dovevano chiedere ai propri figli adulti di spiegare loro come funzionavano nuovi accessori. I baby boomer invece, possono trovare ciò che gli serve su YouTube. "Utilizzo YouTube per trovare informazioni in un formato pratico, soprattutto quando si tratta di tecnologia e non voglio chiedere aiuto a mia figlia", dice Barbara.

Anche in questo caso, i risultati del nostro sondaggio mostrano che 1 baby boomer su 3 utilizza YouTube per imparare come funziona un prodotto o un servizio.2

Tre motivi sorprendenti per cui i baby boomer cominciano a scegliere YouTube

YouTube per rimanere aggiornati su intrattenimento e notizie

Come altre generazioni, i baby boomer guardano i propri programmi preferiti e i relativi riassunti e raccolte di momenti salienti su YouTube per non perdersi nulla. "Non mi piace andare a letto tardi, così vado regolarmente su YouTube per guardare i monologhi del programma in seconda serata", ci racconta Ron, un baby boomer di 59 anni. Ron non è l'unico baby boomer che va su YouTube in cerca di intrattenimento. Infatti il 68% dei baby boomer dice di guardare video di YouTube per intrattenimento.3 Secondo dati recenti di Google, le categorie di video con più visualizzazioni comprendono intrattenimento, musica e notizie. In cima alla classifica dei canali più visti negli Stati Uniti troviamo Star News (un canale di notizie sulle celebrità), Fox News e WatchJoJo (una raccolta di avvenimenti incredibili).4

Tre motivi sorprendenti per cui i baby boomer cominciano a scegliere YouTube

I baby boomer e il tuo brand

Molti brand si concentrano sul comunicare con le generazioni più giovani, come i millennial. Di conseguenza, molto spesso chi si occupa di marketing si dimenticano dei baby boomer o crea campagne un po' all'antica, sottovalutando le reali competenze tecnologiche di questa generazione.

Eppure le persone che hanno più di 50 anni sono responsabili del 51% di tutta la spesa al consumo, il che rappresenta un'opportunità incredibile per i brand abbastanza intelligenti da capirlo e trovare il modo per comunicare con loro.

Nella pubblicità video, è vero che più lungo è sinonimo di più efficace?