Come i brand di arredamento per la casa possono trasformare gli utenti che navigano sul Web in acquirenti

Matt Lawson
/ Agosto 2017 / Rete di Ricerca, Servizi

Un tempo, gli utenti interessati alla categoria arredamento per la casa preferivano fare acquisti principalmente di persona. Ora si affidano al proprio smartphone per effettuare ricerche e confronti prima di acquistare. Per i brand di arredamento per la casa, si tratta di un'enorme opportunità di trasformare gli utenti che navigano sul Web in acquirenti.

Per attirare i clienti, è essenziale per tutti i brand di vendita al dettaglio essere presenti nei momenti che contano dello shopping dei consumatori. Tuttavia, i momenti esatti variano a seconda della categoria di vendita al dettaglio. Di seguito, analizziamo il comportamento dei consumatori relativo alla categoria arredamento per la casa per individuare i quattro momenti che contano principali che ogni brand deve conquistare.

arrendamento

Momenti "Ho bisogno di idee"

All'inizio del percorso di acquisto, prima di iniziare a pensare a prodotti o brand specifici, i consumatori si affidano ai dispositivi mobili per trovare ispirazione e affinare la loro sensibilità per il design. Il 57% delle ricerche nei momenti Ho bisogno di idee viene eseguito su dispositivi mobili1, con un aumento del 35% da un anno all'altro2.

In questa fase iniziale di ricerca, i consumatori utilizzano molto anche i video per visualizzare meglio i diversi stili. Nel 2016, le ore trascorse a guardare video di arredamento per la casa su YouTube sono state più di 13 milioni3.


"Nel 2016, le ore trascorse a guardare video di arredamento per la casa su YouTube sono state più di 13 milioni"

Momenti "Qual è la soluzione ideale per il mio spazio?"

In questa fase del percorso di acquisto, i consumatori sono attratti da alcuni stili, ma non sono ancora necessariamente alla ricerca di brand o rivenditori specifici. Gli acquirenti vogliono sapere quali sono i prodotti disponibili e come ciascuno di loro si adatta agli spazi della propria casa.

Per informarsi durante i momenti Qual è la soluzione ideale per il mio spazio?, i consumatori si affidano alla ricerca, in particolare a quella di immagini. Le ricerche su dispositivi mobili relative a "miglior arredamento" e "recensioni arredamento" sono aumentate più del 50% da un anno all'altro4 e 8 acquirenti di arredamento per la casa su 10 hanno utilizzato le immagini dei prodotti5.

Momenti "Ho trovato l'offerta migliore?"

Quello che conta è il prezzo e i consumatori dedicheranno sicuramente molto tempo a cercare l'offerta migliore. La metà degli utenti che ha eseguito ricerche su dispositivi mobili relative ad arredamento per la casa dichiara che la decisione di acquisto è stata influenzata da promozioni e sconti al dettaglio6.

È comunque importante il modo in cui vengono proposti gli incentivi. Il 57% degli utenti che acquistano articoli per la casa o il giardino su smartphone apprezza il fatto che i rivenditori riconoscano la loro vicinanza a un negozio e inviino punti dei programmi fedeltà, informazioni sulla cronologia degli ordini, offerte in negozio o coupon7.

Momenti "Voglio acquistare"

Mentre in passato l'arredamento veniva acquistato solo in negozio, ora gli acquisti su smartphone stanno diventando sempre più frequenti. Il 47% degli acquirenti di arredamento per la casa afferma di acquistare sempre più su smartphone8. Anche quando i consumatori si recano in negozio per effettuare l'acquisto, spesso lo fanno in seguito a una ricerca su dispositivo mobile. Le ricerche su smartphone relative ad arredamento "nelle vicinanze" sono aumentate dell'85% da un anno all'altro9.


"Le ricerche su smartphone relative ad arredamento "nelle vicinanze" sono aumentate dell'85% da un anno all'altro."

Crescere nei momenti che contano

Sebbene solo alcuni anni fa sembrasse ancora strano acquistare online articoli per la casa, quali i mobili, i consumatori si stanno rapidamente abituando all'idea. Per i brand di arredamento per la casa, i contenuti ottimizzati per i dispositivi mobili rappresentano uno dei fattori che fanno la differenza in questi momenti che contano.

Collegare i dati del CRM a Google Analytics consente a Turkcell e Hype di presentare messaggi AdWords personalizzati a segmenti di pubblico specifici e ridurre il CPA del 78%