Come le ricerche da mobile influenzano gli acquisti in negozio

Todd Pollak / Novembre 2018

Lo shopping nei negozi fisici non è scomparso. Infatti, il 61% dei consumatori preferisce fare acquisti da brand che hanno anche un negozio fisico anziché da quelli che sono solo online,1 perché a volte si ha necessità di acquistare subito. Quasi l'80% degli acquirenti si recherà in negozio per l'acquisto se ha bisogno o vuole l'articolo immediatamente.2

Nonostante lo shopping nei negozi fisici non sia scomparso, ciò avviene sempre dopo aver effettuato ricerche sullo smartphone per assicurarsi che ne valga la pena. Come ci è stato ricordato durante la stagione dello shopping natalizio del 2017, molte delle ricerche che terminano in un acquisto è eseguita su smartphone: il 78% dei consumatori che ha fatto acquisti in negozio durante il periodo delle festività ha effettuato ricerche online.3 Cosa cercano i consumatori prima di recarsi in negozio? Ecco che cosa abbiamo scoperto.

How mobile search-IT01

Ispirazione 

I consumatori si affidano alla ricerca prima di recarsi in negozio quando non hanno in mente un prodotto o un brand specifico. Le ricerche dai dispositivi mobili di tipo "brand __" stanno aumentando, ad esempio "brand di calze" (aumento del 150%), "brand di orologi da uomo" (aumento del 70%), "brand di borse di qualità" (aumento del 140%), "brand di trucchi" (aumento del 150%).4 Gli utenti cercano inoltre consigli su cosa acquistare: per esempio le ricerche di recensioni da smartphone sono aumentate di oltre il 35% negli ultimi 2 anni.5

How mobile search-IT02

Orari di apertura 

Alcuni studi indicano che la metà delle persone che hanno utilizzato la ricerca prima di fare acquisti ha cercato informazioni sul negozio, ad esempio le sedi o la distanza.6 Si pensi che, negli ultimi due anni, abbiamo registrato un aumento di più del 150% delle ricerche da dispositivo mobile di tipo "__ vicino a me ora" ("cibo vicino a me ora", "benzinaio vicino a me ora" e "consegna a domicilio vicino a me ora").7 Oltre alle query relative ad attività locali nelle vicinanze, i consumatori si affidano al telefono per verificare gli orari di apertura dei negozi, le indicazioni stradali per raggiungerli, i tempi di attesa, le informazioni di contatto e, sempre di più, la disponibilità dei prodotti. Infatti, il 40% degli acquirenti vorrebbe che i rivenditori fossero più precisi nell'indicare le informazioni sull'inventario.8

Comparazione

Dopo aver selezionato alcune opzioni, la decisione finale viene presa dopo aver ricercato da smartphone. Solitamente cercano più informazioni su un prodotto che acquisteranno in negozio oppure cercano l'opzione più adatta alle proprie esigenze. Sappiamo che gli acquirenti sono a caccia delle migliori offerte. Infatti il 43% di chi ha acquistato durante le festività ha dichiarato di averlo fatto per cercare offerte o possibilità di risparmio,9 mentre il 52% degli acquirenti afferma che verificare online mentre in negozio sia ormai una pratica abituale ed utile.10 In fine, il 50% dei consumatori afferma di guardare video online mentre fa shopping nei negozi.11

In mobilità 

Lo smartphone è sempre nelle mani dei tuoi clienti e potenziali clienti prima, durante e dopo l'acquisto in negozio. Per questo motivo l'uso di contenuti strategici ed efficaci sui prodotti non è mai stato così importante. Chi vende al dettaglio, online ed offline, deve dare la priorità all'esperienza da smartphone, ad esempio avendo ben presente la differenza tra i clienti che entrano nel negozio pronti ad acquistare e quelli che escono innervositi e a mani vuote.

Todd Pollak 1

Todd Pollak

Retail Industry Director at Google

Fonti (10)

1 Google/Ipsos, Stati Uniti, sondaggio online "Shopping Tracker", n=2703 adulti di età pari o superiore a 18 anni che hanno fatto acquisti negli ultimi due giorni, risposta basata su una scala a 7 punti secondo il metodo "Top 3 Box", aprile-giugno 2018.

2 Google/Ipsos, Stati Uniti, sondaggio online "Shopping Tracker", n=3613 statunitensi di età pari o superiore a 13 anni che hanno effettuato acquisti online negli ultimi due giorni, ottobre-dicembre 2017.

3 Google/Ipsos, Stati Uniti, Omnichannel Holiday Study, acquirenti del periodo natalizio che si sono recati in negozio nelle ultime 48 ore, n=1204, novembre 2017-gennaio 2018.

4, 5 Dati Google, Stati Uniti, gennaio-giugno 2015 rispetto a gennaio-giugno 2017.

6 Google/Ipsos, Stati Uniti, Omnichannel Holiday Study, acquirenti di età pari o superiore a 18 anni che hanno fatto acquisti nelle precedenti 48 ore e si sono recati in un negozio, n=1204, novembre 2017-gennaio 2018.

7 Dati di Google, Stati Uniti, luglio-dicembre 2015 rispetto a luglio-dicembre 2017.

8 Google/Ipsos, Stati Uniti, Omnichannel Holiday Study, acquirenti di età pari o superiore a 18 anni che hanno fatto acquisti nelle precedenti 48 ore, n=5944, novembre 2017-gennaio 2018.

9 Google/Ipsos, Stati Uniti, Omnichannel Holiday Study, acquirenti del periodo natalizio di età pari o superiore a 18 anni, che hanno fatto acquisti e utilizzato il telefono in negozio; n=2471, novembre 2017-gennaio 2018.

10 Google/Ipsos, Stati Uniti, sondaggio online "Shopping Tracker", n=2703 adulti di età pari o superiore a 18 anni che hanno fatto acquisti negli ultimi due giorni, aprile-giugno 2018.

11 Google/Ipsos, Stati Uniti, studio "How People Shop with YouTube", n=2401 persone tra i 18 e i 64 anni che sono online almeno una volta al mese e hanno effettuato acquisti nell'ultimo anno, luglio 2018.

Gearshift 2017: il digitale sempre più importante nel processo di acquisto di un'auto per gli italiani