Tre cambiamenti comportamentali e culturali osservati su YouTube nell'ultimo anno

Gina Shalavi / Gennaio 2020

Le ultime tendenze arrivano e passano in un batter d'occhio. Hai avuto giusto il tempo di imparare a padroneggiare l'uso del filo interdentale e già c'è una nuova mossa di ballo da apprendere. Hai appena speso una fortuna per acquistare quel paio di occhiali da sole così sottili solo per scoprire che le montature spesse sono tornate di moda.

Se analizziamo più a fondo queste e altre tendenze, ci accorgiamo che spesso sono indicative di cambiamenti più importanti. Anziché dilungarci in un elenco di trend passeggeri osservati su YouTube nel 2019, pensiamo sia più interessante soffermarci sui cambiamenti comportamentali e culturali che queste rappresentano. Ecco tre tendenze di YouTube di cui tutti i professionisti del marketing dovrebbero essere a conoscenza.

1. I contenuti locali si sono estesi su scala globale

Troppo spesso le campagne pubblicitarie dei brand sono concepite tenendo presenti solo le esigenze di mercati specifici. Così gli asset di una creatività per il mercato indiano possono essere diversi da quelli per il mercato britannico. A volte ciò è comprensibile. Dopotutto, la pertinenza culturale è importante e ciò che viene ben accolto in una realtà potrebbe non essere accettabile in un'altra.

Ma se osserviamo le tendenze di YouTube più recenti e importanti, non è difficile concludere che gli spettatori hanno un approccio più cosmopolita di quanto non si pensi normalmente. Ad esempio, in una ricerca condotta quest'anno sul settore della moda abbiamo rilevato che il 60% dei contenuti prodotti dai creator di YouTube statunitensi viene guardato dagli utenti di altri paesi.

La globalizzazione e il diffondersi delle tendenze oltre i confini nazionali non sono fenomeni nuovi, ma le piattaforme come YouTube stanno accelerando il processo. Prendiamo ad esempio il live streaming. Non è mai stato così facile guardare in tempo reale eventi che accadono dall'altra parte del pianeta, ed è forse per questo che oltre 60 dei 100 eventi di live streaming più popolari su YouTube1 si sono verificati negli ultimi due anni.

Tre cambiamenti comportamentali e culturali osservati su YouTube nell'ultimo anno

2. I contenuti correlati allo shopping sono diventati una forma di intrattenimento

I risultati di un sondaggio svolto quest'anno indicano che il 93% degli acquirenti statunitensi ha utilizzato una risorsa online in qualche fase del percorso del cliente. È un comportamento che abbiamo osservato in tutte le aree geografiche. Ad esempio, una ricerca su scala mondiale del 2018 ha rivelato che il 55% degli acquirenti cerca un prodotto su Google e poi consulta YouTube per avere maggiori informazioni prima di effettuare l'acquisto.

È abbastanza sorprendente, tuttavia, constatare che i potenziali acquirenti non cercano contenuti correlati allo shopping solo per decidere cosa acquistare, ma anche a scopo di intrattenimento. Dai nuovi modi di fare shopping sfrenato ai video haul (un genere che in India ha visto una crescita del 300% nell'ultimo anno), i creator di YouTube hanno ridefinito il concetto di "shopping" nel 2019 avvicinandolo a quello di "intrattenimento".

Tre cambiamenti comportamentali e culturali osservati su YouTube nell'ultimo anno

3. Gli spettatori di YouTube si interessano ora ai temi ambientali

Nel mese di settembre 2019 gli studenti di 150 paesi, dal Canada al Sudafrica, sono scesi in piazza in una delle più grandi manifestazioni contro i cambiamenti climatici mai tenute. "Lottiamo per il nostro futuro" è quanto ha detto ai leader delle Nazioni Unite Greta Thunberg, la giovane attivista che ha lanciato il movimento.

Anziché precipitarsi a seguire passivamente le ultime mode, i professionisti del marketing più attenti sapranno riconoscere che queste tendenze segnalano cambiamenti culturali e comportamentali più profondi.

A giudicare dai dati di YouTube, la volontà di pensare più attentamente al futuro del nostro pianeta e a come possiamo contribuire come consumatori è più grande che mai. Effettivamente, abbiamo assistito a una vera e propria esplosione dei contenuti a sostegno delle cause ambientali. Ad esempio, c'è stata un'impennata delle visualizzazioni mensili di video sulla "clean beauty" e un forte aumento dei caricamenti e delle visualizzazioni dei video che contengono la parola "sostenibile" nel titolo.

È importante comprendere le persone a cui ci rivolgiamo

È pressoché impossibile prevedere con certezza quali saranno le tendenze del 2020. Anziché precipitarsi a seguire passivamente le ultime mode, i professionisti del marketing più attenti sapranno riconoscere che queste tendenze segnalano cambiamenti culturali e comportamentali più profondi. Se analizziamo a fondo questi cambiamenti per comprenderli, potremo anche capire meglio le esigenze delle persone a cui ci rivolgiamo.

Che cosa cercano su Google gli amanti della moda in tutto il mondo