Come i negozi fisici possono trarre vantaggio dalla crescita dello shopping online

Jason Spero / Settembre 2020

Rispetto all’inizio del 2020, la nostra vita quotidiana ci sembra molto diversa. L'uso della tecnologia da parte di persone e aziende ha fatto un balzo in avanti durante il periodo di isolamento, facendo crescere il lavoro, la formazione, gli acquisti e le relazioni sociali a distanza. Le persone passano più tempo che mai online e si rivolgono a Google per valutare, cercare e pianificare i propri acquisti sia online che nel mondo reale.

Gestire negozi fisici oggi è estremamente difficile. Eppure retailer di tutte le dimensioni stanno scoprendo che massimizzare la presenza online può aiutarli a raggiungere anche i potenziali clienti che vogliono acquistare di persona. Integrare esperienze offline e online non è mai stato così importante.

I comportamenti di acquisto sono cambiati radicalmente negli ultimi sei mesi e molti di questi sono destinati a durare. Le persone pianificano le visite ai negozi con più attenzione, cercando informazioni in tempo reale sulla disponibilità dei prodotti, gli orari di apertura e i servizi offerti, come il ritiro all’esterno. Tutti hanno bisogno di essere certi di trovare quello che cercano prima di uscire di casa.

Ad esempio, in Germania abbiamo visto raddoppiare le ricerche per "orario di apertura oggi" rispetto allo scorso anno.1 E le ricerche per "in magazzino" sono cresciute a livello mondiale di oltre il 700% nel corso dell'anno.2 Allo stesso tempo lo shopping locale è diventato sempre più importante: le ricerche per "disponibile nelle vicinanze" sono più che raddoppiate a livello mondiale.3

Retailer di tutte le dimensioni stanno scoprendo che massimizzare la presenza online può aiutarli a raggiungere anche i potenziali clienti che vogliono acquistare di persona.

Una nuova ricerca di Google mostra che la pandemia ha reso le persone più flessibili rispetto alla decisione di acquistare online o offline. Ora il 73% si definisce indifferente rispetto al canale di acquisto contro il 65% prima della crisi sanitaria globale.4 Mentre la pandemia ha accelerato l'adozione del digitale e le vendite online sono in crescita, un nuovo studio svolto da Euromonitor ha rilevato che si prevede che nel 2024 il 78% degli acquisti avverrà ancora in negozio.5

Raggiungi i clienti dove si trovano, che sia online o in negozio

L'obiettivo del mio team è quello di aiutare aziende di ogni dimensione a raggiungere i propri clienti dove si trovano, che sia online o in negozio, e di aiutare gli inserzionisti ad abbracciare la trasformazione digitale.

Ad esempio, per favorire il contatto tra retailer e acquirenti alla ricerca di un maggior numero di transazioni senza contatto, abbiamo introdotto il "ritiro all'esterno" per gli Annunci di prodotti disponibili localmente.

Lo studio rivela che si prevede che nel 2024 il 78% degli acquisti avverrà ancora in negozio.

Il retailer per il fai-da-te Castorama è solo uno dei tanti a livello mondiale che ha rapidamente reso disponibile il servizio di ritiro all'esterno a fronte degli ordini ricevuti durante il periodo di isolamento domestico e di chiusura dei negozi. Per tenere informati i propri clienti Castorama ha aggiornato il profilo di Google My Business e ha iniziato a utilizzare per la prima volta gli Annunci di prodotti disponibili localmente, mettendo in evidenza la sua nuova offerta. Nel complesso Castorama ha visto decuplicare le proprie vendite online in un periodo di 10 settimane.

Per offrire ai retailer maggiore flessibilità, ora stiamo espandendo questa possibilità con il lancio del servizio "ritiro in seguito" per gli Annunci di prodotti disponibili localmente in modo che gli acquirenti possano ritirare un acquisto dopo pochi giorni se non è immediatamente disponibile.

Strumenti per rendere gli acquisti online ancora più semplici

Per comunicare online i dettagli della propria attività offline grazie al lancio è possibile usare le Campagne locali. I ristoranti possono specificare nei loro annunci delle Campagne Locali su Google Search la presenza di servizi quali la consumazione in loco o da asporto. E a breve aggiungeremo per la vendita al dettaglio caratteristiche di servizio come "acquisto in negozio" e "ritiro all'esterno". Queste funzioni consentono alle persone di utilizzare gli strumenti digitali per esplorare il mondo circostante, fornendo maggiori certezze e rassicurazioni quando devono recarsi in un negozio fisico.

Questi strumenti sono stati tutti sviluppati con l'obiettivo di aiutare i retailer e i ristoranti a massimizzare le visite. Al contempo abbiamo iniziato a integrare la misurazione delle vendite in negozio nel nostro prodotto automatizzato Smart Bidding. Progettato pensando alla privacy, retailer e ristoranti potranno ottimizzare in forma automatica le "vendite in negozio" su Google Search, così come fa già Smart Bidding per conversioni online o visite in negozio.

Continueranno a esserci momenti difficili in futuro. E noi continueremo a orientarci, innovare e rispondere alle mutevoli esigenze. Per aiutarti a rimanere al passo con i tempi abbiamo creato un semplice hub, l'Advertising Solutions Center , che fornisce informazioni e consigli pensati per soddisfare i tuoi obiettivi marketing.

Il mondo della vendita al dettaglio continuerà a evolversi a ritmo incalzante e, per fortuna, gli strumenti di marketing digitale possono favorire la ripresa. Non so cosa cosa ci aspetta nel 2021, ma so che l'uso della tecnologia aiuterà le persone e le aziende a prepararsi per il futuro.

Guarda Jason Spero, Vice President of Global Business di Google, parlare dell’importanza del digitale per tutte le aziende al DMEXCO 2020.

Il futuro del retail: 3 trend da considerare per la strategia dei prossimi 5 anni